Home L'Attività del C.O.T.A. Info Associative Resoconto attività svolta nell'attivazione di T70COTA

Resoconto attività svolta nell'attivazione di T70COTA
Attività - Info Associative

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1936 - 2006
San Marino: una particolare esperienza

 «...I militari dipendevano, per la disciplina, dall'Ufficiale Comandante il Distaccamento e, come impiego, dal Governo della Repubblica. Il Distaccamento aveva attribuzioni territoriali analoghe a quelle vigenti per le stazioni del Regno (...) i militari hanno sempre indossata l'uniforme grigio-verde - vecchio modello - calzatura nera e mollettiere. Dal 15 gennaio 1924 venne aggiunta sulla giubba - sotto gli alamari - una mostrina dai colori bianco e azzurro ed analogo distintivo venne anche applicato sulle manopole»:

così scriveva, il 16 febbraio 1936, in una sua dettagliata relazione, il colonnello Comandante la Legione di Ancona, Giuseppe Beato, dopo la cerimonia di saluto ai rappresentanti dell'Arma, svoltasi il 2 febbraio precedente. I Carabinieri lasciarono il Monte Titano tra «scritte inneggianti» all'Arma: corteo, banda militare, bandierine sventolanti.

Cerimonia nella Sala dei Capitani Reggenti: la Gendarmeria appena costituita giura fedeltà e vi è il cambio di consegne tra il Comandante italiano cedente e il Comandante sammarinese entrante. Il Segretario di Stato della Repubblica, il nobile avvocato Giuliano Gozi, Cavaliere di Gran Croce, saluta con parole di ringraziamento e ammirazione i militari che hanno terminato il loro incarico

Alle ore 14, relaziona con precisione il colonnello Beato, il Distaccamento dei Carabinieri lascia il territorio di San Marino per fare rientro su quello metropolitano «salutato alla stazione dalle Autorità, dalle associazioni e da una folla di cittadini che hanno inneggiato all'Arma e all'Esercito».

E dopo 70 anni da quel giorno i Carabinieri sono tornati nell’antica Repubblica non per mantenere l’ordine pubblico ma in abiti civili ed armati di microfono per celebrare l’anniversario con eco mondiale. Sono i Carabinieri Radioamatori dell’Associazione C.O.T.A. Carabinieri On The Air che dal 3 al 5 Febbraio 2006 in strettissima collaborazione con la A.R.R.S.M. Associazione Radioamatori della Repubblica di San Marino hanno attivato la stazione a nominativo speciale T70COTA sulle bande HF.

L’iniziativa era partita alcuni mesi prima quanto i membri C.O.T.A. ne parlarono ai colleghi Sanmarinesi i quali con entusiasmo hanno accettato proponendo l’uscita in contemporanea di due stazioni T70COTA e T70A (nominativo del Radio Club A.R.R.S.M.) le quali rappresentavano una ghiotta occasione di collegamento per la comunità radioamatoriale.  

Organizzata l’iniziativa con gli operatori per i turni di trasmissione e promossa adeguatamente l’attività attraverso i bollettini DX, l’appuntamento era per il mattino del 3 Febbraio in località Faetano presso la sede A.R.R.S.M. ; il primo ad arrivare era IW0GSB Stefano seguito da IZ6CRK Raffaele e IZ6FUQ Stefano, ad aspettarci c’era T77GO Stefano che accogliendoci nella  bella ed attrezzata sede ci ha messo subito a nostro agio.

Dopo appena un attimo per ambientarci, abbiamo preso possesso dello spazio riservatoci ed abbiamo subito collegato le radio alla log periodica 7 elementi 10-30 ed alla verticale per 40-80 per essere subito on the air dopo pochi minuti.  Primo QSO di T70COTA in 40 metri con IW2ODY alle 09:37 UTC e  dopo pochissimi minuti l’ambiente si stava subito surriscaldando con la creazione di un pile-up che metteva subito alla prova l’operatore.

Nel frattempo diversi amici di San Marino ci raggiungevano, il Presidente T77J Giuliano, T77C Tony, T77EB Riccardo, T77NC Nazzareno, T77GR Renato ed il socio COTA T72AG.  Era il momento di attivare anche T70A.

L’attività è proseguita sino alle 20:00 e così per i due giorni successivi collezionando complessivamente 2335 QSO e 75 country.

Si è operato in SSB, CW e PSK31 sulle bande 15 , 17, 20, 30, 40 e 80 metri. 

Quasi sempre il pile-up era  tale da richiedere di operare in split con chiamata per numeri o aree geografiche, a significare l’alto interesse che aveva suscitato l’attivazione.

Il giorno 4 Febbraio siamo stati raggiunti dal Presidente delle ANC (Ass. Naz. Carabinieri) sezione estera di San Marino C.re Vaglio che insieme al socio COTA SWL Leonardo Mencarelli (coordinatore Provinciale ANC di Perugia) hanno portato il saluto della ANC nel ricordo dell’anniversario ; subito dopo uno scambio di omaggi tra T77J e IZ6FUQ hanno suggellato l’amicizia nell’evento radio.

Vanno ricordati tutti gli altri operatori COTA ed amici che oltre ai sopraccitati sono stati: IK6DUN Feliciano, IZ6BPA Carmen, IZ6FMS Nicola, IK6VXO Andrea, IW6DSM Lorenzo e IW6BRF Ferruccio.

 Il gruppo ritratto all’esterno della sede ARRSM

Lo scambio della targa ricordo tra
IZ6FUQ Stefano (dx) e T77J Giuliano (sx)

Ricordiamo con piacere il buon caffè di Renato, l'impegno ATV e come guida turistica di Nazzareno, la simpatia e disponibilità di Steve, la disponibilità di Tony e Giuliano senza dimenticare Riccardo e gli altri.

Una bella esperienza che ci ha permesso ancora una volta di raggiungere il mondo intero promuovendo l’immagine dell’Arma stabilendo allo stesso tempo legami di amicizia fra radioamatori. Una bella QSL verrà inviata a tutti coloro che siamo riusciti a collegare nella certezza di fare cosa molto gradita.

I Carabinieri lasciarono San Marino il 2 Febbraio 1936 dopo una proficua collaborazione con la Gendarmeria, noi lasciamo questa bella terra pieni di soddisfazione per il risultato raggiunto. 

Grazie nuovamente a tutti coloro che si sono adoperati per la buona riuscita della manifestazione.

Stefano Catena
IZ6FUQ
Presidente
Associazione Carabinieri Radioamatori